fbpx

Isola Design District, ecco cosa vedere

Più letti

Per il Fuorisalone l’Isola Design District presenta allestimenti e mostre, frutto della selezione dei quasi 700 progetti inviati sulla piattaforma digitale dell’Isola Design Festival, iniziato il 12 aprile.

Tra i designer emergenti, gli studi e i brand di design indipendenti sono stati scelti i progetti che meglio propongono nuove soluzioni per migliorare la qualità della vita.

In via De Castilla 26, presso Stecca 3, l’esposizione “Playful, Young, Design” conduce il visitatore alla scoperta dei progetti realizzati dagli studenti del Politecnico di Milano allestiti al piano terra. Al secondo piano, mostra gli arredi e i complementi d’arredo di designer internazionali per poi arrivare all’esterno, dove, oltre ad un’area lounge con un pop-up bar allestito dalla designer Mariadela Araujo, si trova un percorso di installazioni.

Isola Design District, ecco cosa vedere

Interessante l’esposizione “Materialidez”, allestita in via Pastrengo 7 presso lo Spazio Gamma, un percorso di ricerca tra materie prime naturali, biomateriali e design sostenibile come la cellulosa batterica o i biomateriali creati con il cacao. In quest’ambito sono esposti anche i primi progetti realizzati dagli studenti del primo master in Biodesign della Cantral Saint Martins di Londra, una delle accademie di design più importanti al mondo.

Altro allestimento dell’Isola Design District è “The Stage Four”, l’installazione che celebra la libertà. Situata in via Sassetti 31 presso la Fabbrica Sassetti, vuole essere un viaggio onirico, un invito ad abbattere i confini per creare un’esperienza globale unica.

“Gallery” si trova in un’altra area della Fabbrica Sassetti ed è un’esposizione di oggetti da collezione e arredi sostenibili. Interessante Couch-19, il pouf modulare a forma di iceberg ideato da Tobia Zambotti, realizzato con mascherine monouso raccolte e disinfettate con ozono.

Divertente l’idea di Nen, azienda fornitrice di energia elettrica e gas, che apre le porte della Casa Distratta, una sorta di escape-room, dove i visitatori potranno uscire solo dopo aver individuato tutti i comportamenti sbagliati nella vita domestica che fanno male all’ambiente e lievitare le bollette.

Presso la Stazione Porta Garibaldi viene allestito “Green Island”, una mostra di opere le cui protagoniste sono le piante, che diventano oggetto di eco-design da collezione.

Questa è solo una parte di ciò che propone l’Isola Design District, non vi resta che venire a dare un’occhiata tra il 4 e il 10 settembre per vedere dal vivo quello che vi abbiamo raccontato e scoprire le altre installazioni.