fbpx

Giuseppe Bossi e Raffaello al Castello Sforzesco di Milano

Più letti

Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Il mito di Raffaello attraverso lo sguardo di Giuseppe Bossi, nei suoi disegni e nella sua collezione. In che modo l’eredità del genio urbinate venne raccolta, custodita, tramandata dal pittore, scrittore e collezionista? Attraverso quali modelli e seguendo quali soggetti si svilupparono e furono influenzate le arti decorative?

Dal 9 febbraio 2021 apre al pubblico Giuseppe Bossi e Raffaello al Castello Sforzesco di Milanoprogetto espositivo ed editoriale che prende avvio dalle collezioni del Castello Sforzesco, da una parte celebrando il divin pittore e dall’altra raccontando la figura di un artista e intellettuale che ancora offre spunti di grande novità.

A partire da un prezioso nucleo di opere, la mostra si propone di portare all’attenzione del visitatore un particolare aspetto della fortuna di Raffaello a Milano tra la fine del Settecento e il principio dell’Ottocento: la ricezione attraverso l’arte, il gusto collezionistico e gli scritti di una personalità di spicco in quell’epoca.

Tra opere su carta maioliche, l’esposizione, allestita nelle Sale dell’Antico Ospedale Spagnolo, è accessibile al pubblico dal 9 febbraio al 30 maggio 2021, con ingresso gratuito e prenotazione consigliata, dal martedì al venerdì, dalle ore 10.00 alle ore 17.30 (ultimo ingresso ore 17.00).

Scopri il progetto anche con il virtual tour, fruibile dal sito www.milanocastello.it e realizzato da SkiraLiving3d.

Giuseppe Bossi (1777-1815), originario di Busto Arsizio (VA), fu protagonista del Neoclassicismo a Milano e, più in generale, in Lombardia. Lasciò un’impronta nella cultura del suo tempo anche grazie all’incarico di segretario dell’Accademia di Belle Arti di Brera e alle strette connessioni con personaggi della politica e della nobiltà. Parte della sua raccolta di maioliche e di sculture è conservata al Castello Sforzesco di Milano. La sua ricca collezione di disegni, con opere di artisti come Leonardo, Michelangelo e Raffaello, è custodita alle Gallerie dell’Accademia di Venezia.

Il progetto è parte di Raffaello. Custodi del Mito in Lombardia, iniziativa che unisce Fondazione Brescia Musei, Castello Sforzesco di Milano e una serie di istituzioni della regione, come culmine del cinquecentenario.

Giuseppe Bossi e Raffaello al Castello Sforzesco di Milano

spot_img