fbpx
32 C
Milan
giovedì 6 Agosto

Milano e all’improvviso il bivio

Sarà successo se non a tutti a molti: ritrovarsi su una strada mai fatta, solitamente in mezzo al niente ed arrivare ad un certo...

Piazzale Corvetto, una storia ligure

Più letti

Milano e all’improvviso il bivio

Sarà successo se non a tutti a molti: ritrovarsi su una strada mai fatta, solitamente in mezzo al niente...

Simone Lunghi: Milano città d’acqua. Sognando Milano

Simone Lunghi a Milano lo conoscono un po’ tutti. Magari non per nome, ma in città la storia di...

Brescia, Palazzo della Loggia

Eccoci a Brescia per conoscere meglio il Palazzo della Loggia.  Si affaccia sulla piazza a cui da ovviamente il...
Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Piazzale Corvetto: anche se non si abita in questa parte della città, è uno di quei nomi che tutti conosciamo. O per meglio dire, conosciamo come piazza, fermata delle metro, ma non come… persona.

 

Ebbene sì, piazzale Corvetto deve il nome a Luigi Emanule, nato a Genova ne 1756. Di famiglia benestante, si laureò in legge diventando avvocato e fu il magistrato del Banco di San Giorgio. 

Entrato a nel Governo Provvisorio della Repubblica Democratica Ligure nel 1797 venne nominato prima Presidente del Direttorio e poi membro del Supremo Tribunale della Repubblica: fu con quest’ultima carica che riuscì a trovare un accordo durante l’assedio di Genova da parte degli inglesi e austriaci.

Piazzale Corvetto: un viaggio tra la Liguria e la Francia

Trasferitosi in Francia non appena la repubblica ligure venne annessa all’impero francese, prestò i suoi servigi a Napoleone, divenendo ben presto consigliere di Stato.

Dopo Waterloo divenne ministro delle finanze con il governo Richelieu I: fu lui a creare la Caisse des dépôts et consignations.

Dopo aver rifiutato il titolo offertogli da Luigi XVIII di Pari di Francia, tornò in quel di Nervi dove morì nel 1821.

Leggi anche qui

San Valentino, innamorarsi di Milano

San Valentino è la festa degli innamorati. Ma cosa succede se l'altra metà della coppia è Milano?   Si dice spesso:...

Simone Lunghi: Milano città d’acqua. Sognando Milano

Simone Lunghi a Milano lo conoscono un po’ tutti. Magari non per nome, ma in città la storia di questo ragazzo che recupera le...

Brescia, Palazzo della Loggia

Eccoci a Brescia per conoscere meglio il Palazzo della Loggia.  Si affaccia sulla piazza a cui da ovviamente il nome, dominandola in dimensioni ed...