fbpx
32 C
Milan
mercoledì 24 Febbraio

Inconsapevole leggerezza del non sapere

Posso immaginare che siate sommersi di articoli, giornali e da quanto so, a breve anche di libri, che trattano l'argomento. Mi perdonerete se anche...

Frida Kahlo alla Fabbrica del Vapore

Più letti

Inconsapevole leggerezza del non sapere

Posso immaginare che siate sommersi di articoli, giornali e da quanto so, a breve anche di libri, che trattano...

Rotonda di San Lorenzo a Mantova

Siamo a Mantova ed eccoci davanti alla Rotonda di San Lorenzo. E' la chiesa più antica della città e già...

Fonderia Napoleonica Eugenia, suono di campane

Fonderia Napoleonica Eugenia si trova in via Genova Thaon di Rivel a Milano nel quartiere Isola. Oggi è un...

Frida Kahlo è alla Fabbrica del Vapore. Dopo la chiusura dal 6 novembre 2020 la mostra Il Caos Dentro ha riaperto al pubblico dal 2 febbraio 2021 e sarà visitabile nel rispetto delle normative anti Covid- 19 dal lunedì al venerdì fino al 2 maggio 2021 dalle 9.30 alle 19.30.

La vita, gli oggetti e l’arte dell’icona messicana sono raccontati attraverso un percorso interattivo. All’interno dell’esposizione si possono percorrere tragitti tematici che permettono di entrare completamente nel mondo di Frida Kahlo.

La mostra si propone di raccontare Frida non solo come artista ma anche come donna. E’ un viaggio a 360° nel suo universo che inizia con una sezione dedicata ai luoghi dove ha vissuto, con la riproduzione degli ambienti più significativi di casa sua.

C’è la camera da letto con il baldacchino e lo specchio montato sul soffitto che l’artista usava per realizzare i suoi autoritratti. Frida passava molto tempo in questa stanza a causa del terribile incidente che subì a 18 anni e che la costrinse a letto per un lungo periodo.

Tornando a casa da scuola salì su un autobus che finì schiacciato contro un muro da un tram. Le conseguenze per Frida furono gravissime: dovette subire 32 interventi prima di uscire dall’ospedale e fu costretta al riposo forzato e a portare un busto ingessato.

Si passa poi allo studio con la sedia a rotelle di fronte al cavalletto e il cortile della Casa Azul di Coyoacan dove visse col marito Diego Rivera e dove morì nel 1954. La mostra prosegue con fotografie personali, lettere, pagine di diario, ritratti, abiti e gioielli ispirati a Frida.

C’è poi una sezione dedicata alla cultura e all’arte popolare messicana illustrata su alcuni pannelli grafici ed una parte dedicata ai più famosi murales realizzati dal marito Diego Riveira in diverse parti del mondo.

Nella sezione “Frida e il suo doppio” sono presenti una serie di riproduzioni di autoritratti in formato modlight dove il viso dell’artista è retroilluminato con una luce omogenea. Alcuni artisti contemporanei hanno creato sette busti in gesso ispirandosi ai corsetti che Frida Kahlo indossava e dipingeva e che sono esposti in un’area della mostra.

Il percorso espositivo termina in una sala multimediale 10D dove video, suoni ed effetti speciali coinvolgono adulti e bambini. Proprio a loro è dedicato un laboratorio creato per avvicinarli alle opere della pittrice.

frida kahlo fabbrica del vapore
frida kahlo fabbrica del vapore

Leggi anche qui

Torniamo a guardarci in faccia

Torniamo a guardarci in faccia: da oggi 15 luglio all'aperto non sarà più necessario tenere la mascherina.   Ve lo confesso:...