fbpx

Perché andare alla scoperta delle infinite bellezze della Lombardia

Più letti

Confinante con la Svizzera, la Lombardia è una tra le più estese regioni d’Italia. Placidamente adagiata nella parte settentrionale della Penisola, la Lombardia è un vero e proprio scrigno di infinite bellezze. Non per nulla, nel suo vasto territorio che si va ad estendere dalle Alpi per planare dolcemente verso la pianura, si potrà ammirare una ampia e incredibile varietà di paesaggi, così come è possibile visitare antichi e suggestivi borghi e città d’arte.

Conoscere le bellezze del territorio lombardo, include, dunque, l’imperdibile occasione di visitare le sue deliziosi valli, godere di strutture sportive perfette per gli amanti della montagna, di apprezzare la bellezza dei suoi laghi, così come di avventurarsi nella natura preservata nei suoi parchi e nelle sue oasi, senza, poi, dimenticare le testimonianze storiche, artistiche e culturali che caratterizzano l’intera Lombardia.

Questo, dunque, è un territorio, ove cultura, arte, storia e natura, armoniosamente si vanno a fondere con modernità, tecnologia, innovazione e moda. Un territorio, pertanto, che risulta essere privilegiato sotto ogni punto di vista.

Vibrante e popolosa regione, la Lombardia non cessa mai di stupire. Infatti, accanto ad un magnifico territorio ricco di bellezze naturali, oltre che offrire splendidi paesaggi e contenere gemme architettoniche di incomparabile bellezza e valore, il territorio della Lombardia propone una incredibile varietà enogastronomica, ricca di produzioni squisite e divenute celebri in tutto il mondo.

Perciò, tra le differenti e innumerevoli motivazioni che portano ad andare alla scoperta delle infinite bellezze della Lombardia, un rilevante ruolo lo riveste anche la sua celeberrima produzione enogastronomica. Dal risotto alla milanese al risotto al gorgonzola, dai pizzoccheri alla cassoeula, dalla polenta e misultin alla cotoletta milanese, senza, poi, dimenticare la favolosa mostarda lombarda, il panettone, il torrone di Cremona. Tutte queste, sono alcune delle delizie che la tradizionale cucina lombarda offre ai buongustai.

Se, poi, si vuole, ad esempio, affrontare il tema Bitcoin era recensioni, lo si potrà fare sorseggiando dei fantastici vini come, ad esempio, i pregiati Docg e Doc dell’Oltrepo Pavese, della Valtellina come pure i vini del Garda e, ovviamente, La Franciacorta.

Perciò, oltre che essere una meta turistica di grande valore per le sue bellezze naturali, storiche e architettoniche, la Lombardia offre, anche, la stupefacente occasione per fare un fantastico viaggio gastronomico tra sapori tutti da degustare e da scoprire.

Sapori autentici e unici, profumi tanto delicati quanto intensi, trovano una loro fantasiosa creatività e rappresentazione, anche, nella infinita proposta di formaggi della Lombardia. Tra le numerose e gustose eccellenze rinomate, si possono ricordare, ad esempio, il parmigiano reggiano, il grana padano, il taleggio, il quartirolo, il gorgonzola, così come il bitto, la formaggella del Luinese, il Formai de Mut dell’Alta Valle Brembana, il Matusc P.A.T. e la crescenza. Perciò, per ogni amante della buona enogastronomia, la Lombardia, saprà sempre come regalare grandi soddisfazioni, proponendo delle eccellenti prelibatezze. Non per niente, in Lombardia, è, anche, molto vasta la gamma di insaccati.

Oltre che la più che celebre bresaola della Valtellina, di certo, non ci potrà esimere dall’assaggiare, ad esempio, il cotechino bianco, il salame cremonese, il salame Milano e il Violino. Invece, tra le numerose mete turistiche che si possono ammirare in Lombardia, si potrebbe ricordare Pavia, splendida località che si trova a poco più di una trentina di chilometri da Milano.

Altra tranquilla e suggestiva meta è Mantova, un luogo dominato da un fascino unico. Da non perdere, poi, sono le bellezze conservate a Bergamo Alta. Invece, per quanto verte i meravigliosi borghi lombardi, sicuramente, meritano una particolare attenzione Angera che si trova in provincia di Varese, Bagolino e Bienno, entrambe in provincia di Brescia, così come Castellaro Lagusello in provincia di Mantova, Cavernago e Pagazzano in provincia di Bergamo, Grosio in provincia di Sondrio e, andando a concludere, Nesso in provincia di Como, Soncino in provincia di Cremona, Pomponesco che si trova in provincia di