fbpx
32 C
Milan
domenica 24 Gennaio

Sbagliando si impara certo, ma…

Se dovessi contare quante volte ho sbagliato in quasi 50 anni sono certo che perderei il conto nel giro di qualche minuto: sono talmente...

Via San Vittore, un nome una storia da raccontare

Più letti

Sbagliando si impara certo, ma…

Se dovessi contare quante volte ho sbagliato in quasi 50 anni sono certo che perderei il conto nel giro...

Palazzo Berri Meregalli, la magia dell’eclettismo milanese

Palazzo Berri Meregalli si trova all’angolo tra via Cappuccini e via Vivaio, non molto distante da Corso Venezia. E’ uno...

Burghy, ritorno al passato?

Burghy, in nome legato a Milano e non solo, ad un periodo "storico" che sembra a volte lontanissimo, ma...

San Vittore è una via milanese dedicata a San Vittore il Moro, soldato romano originario della Mauritania, che prestò servizio a Milano all’epoca di Massimiano, e che venne martirizzato per la sua fede cristiana. La sua vita e il suo martirio sono descritti da Ambrogio da Milano, meglio conosciuto come Sant’Ambrogio, nell’Explanatio evangelii secundum Lucam e nel Victor, Nabor, Felix pii.

I soldati Vittore, Nabore e Felice, costretti a fare una scelta tra il loro Dio cristiano e l’imperatore furono risoluti a rimanere fedeli al Creatore. Vittore venne per questo arrestato e rinchiuso in cella per sei giorni, senza cibo né acqua, per poi essere trascinato nell’ippodromo del circo al cospetto di Massimiano e del suo consigliere Anulino, dove ribadì la sua volontà a rimanere fedele a Dio.

Venne quindi flagellato e ricondotto in carcere dove gli fu riservato un ulteriore supplizio: gli versarono del piombo fuso sulle piaghe provocate dalla flagellazione. Vittore non cedette e, anzi, approfittando di una distrazione dei suoi carcerieri, scappò e si nascose in una stalla. Venne trovato, trascinato in un vicino bosco di olmi e decapitato. Due fiere si avvicinarono e vegliarono il suo corpo per sette giorni e sette notti, fino a quando il vescovo San Materno si avvicinò e lo ritrovò ancora perfettamente intatto.

Il vescovo seppellì Vittore in un sacello che, per le sue ricche decorazioni a mosaico dorato, venne chiamato San Vittore in Ciel d’Oro e che oggi troviamo nella volta della cappella paleocristiana situata nella Basilica di Sant’Ambrogio.

Sant’Ambrogio fu promotore del culto di San Vittore. Ammirava a tal punto il martire da far seppellire accanto alle sue reliquie quelle di suo fratello Satiro. A San Vittore sono stati dedicate diverse chiese milanesi come la Chiesa di San Vittore al Corpo o le chiese, ormai demolite, di San Vittore al Teatro, San Vittore al Carcere o San Vittore al Pozzo. Anche il carcere milanese porta il suo nome: San Vittore è il patrono dei prigionieri e degli esuli.

via san vittore
via san vittore

Leggi anche qui

Volo per Milano: cercate, trovate e partite. C’è un regalo per voi

Cercate il vostro volo per Milano. Una volta che lo avete trovato, prenotate e partite. La terza notte in...