Ergisto Bezzi nasce a Cusiano di Ossana nel 1835.

 

Eccoci ancora una volta a parlare di una via, o viale, dal punto di vista però della persona a cui è stata intitolata. In questo caso siamo su un pezzo della “circonvalla” quel tratto che da piazzale Brescia diventa poi viale Misurata, o viceversa.

Come spesso accade, ed il nostro Ergisto Bezzi non fa eccezione, in tanti conoscono la strada, in molti vedono la 90 e 91 passare proprio di qui, ma pochi sanno quanta storia c’è dietro ad un nome scritto su una targa agli incroci delle strade.

E la via Ergisto Bezzi è stata purtroppo anche nominata spesso a causa di un incidente avvenuto proprio da un mezzo della filovia nel 2019.

Ergisto Bezzi, non solo circonvalla

Dopo aver frequentato il liceo a Rovereto, si trasferisce a Milano ed inizia a lavorare: il periodo è particolare, visto che siamo poco prima della seconda guerra di indipendenza. E infatti è costretto a scappare in Piemonte dove si arruola come volontario.

Pochi anni, siamo nel 1860 e partecipa alla spedizione dei Mille: fu anche grazie a lui che riuscirono ad entrare prima a Palermo ed in seguito in Calabria.

La sua fu un carriera lampo: sottotenente, luogotenente ed poi Capitano all’arrivo in Calabria ed in seguito aiutante di campo del generale Turr. Rientrato a Milano, nel 1864 viene arrestato per aver cercato di far insorgere il Trentino.

Solo due anni dopo nel 1866 è di nuovo Capitano nella terza guerra di indipendenza e divenne fondamentale per il giuramento di fedeltà dei comuni trentini liberati.

Finita la guerra rifiutò, come aveva già fatto in passato, la croce di Savoia: ferito nel 1867 nella battaglia di Mentana per tre anni dovette usare le stampelle e non gli fu quindi possibile partecipare alla spedizione in Francia con Garibaldi.

Eletto deputato nel 1890 rifiutò l’incarico e si ritirò dalla vita politica. Nel 1909 si trasferì a Torino dove morì nel 1920

bezzi
bezzi

 

 

Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...