fbpx
32 C
Milan
lunedì 1 Marzo

Quando il buon senso non basta

Preciso subito: sono stanco, sono stufo, vorrei uscire, andare a bere, andare sui navigli, girare senza mascherina, poter incontrare gente, farmi una "vasca" in...

Antonio Kramer, il chimico appassionato d’arte

Più letti

Quando il buon senso non basta

Preciso subito: sono stanco, sono stufo, vorrei uscire, andare a bere, andare sui navigli, girare senza mascherina, poter incontrare...

Masate, ma come Martesana

Masate è un piccolo comune della provincia di Milano situato nella zona a nord est della città confinante con...

Sanremo, un parcheggio a Milano ricco di storia

Sanremo, ma non c'entra niente il festival. Siamo a Milano, in centro. Non è una sorpresa almeno per chi ha...

Antonio Kramer, una targa su cui è scritto un nome, una professione e due anni: quello di nascita e quello di morte. Così, in due righe, si riassume la vita delle persone che Milano omaggia intitolando loro una strada.

Antonio Kramer. Chimico. Nato nel 1806 e morto nel 1853. Questa è l’unica cosa che vi dice la targa posta all’incrocio con via Nino Bixio. Il resto ve lo raccontiamo noi.

Nato a Milano da una famiglia proveniente da Francoforte, studia in Svizzera e si stabilisce a Parigi dove approfondisce la sua preparazione in materie chimiche presso il Collegio di Francia. Diventa ripetitore di chimica presso il Musée d’histoire naturelle dove svolge ricerche sui combustibili minerali.

Tornato a Milano apre un laboratorio di chimica dove tiene anche corsi pubblici gratuiti di chimica sperimentale. Scrive diversi articoli sull’utilizzo industriale del vapore termico che, tutti insieme, costituiscono un trattato scientifico-tecnico sulla produzione e l’applicazione del vapore.

Nel 1843 Antonio Kramer viene incaricato dalla Società d’incoraggiamento delle arti e de’ mestieri di Milano di insegnare chimica pratica. Oltre alle lezioni si fanno esercitazioni pratiche dove si passa dalla preparazione di acidi, alcol e sapone a quella di laterizi e carta fino alla stampa dei tessuti.

Intorno al 1850 comincia ad interessarsi al mondo delle opere d’arte ed in particolar modo alla conservazione e al restauro dei dipinti. Diventa membro del Collegio dei conservatori del Civico Museo di Milano. Grazie alle sue competenze viene chiamato da Ambrogio Nava, presidente dell’Accademia di Belle Arti, per effettuare un’analisi del colore e dell’intonaco del Cenacolo di Leonardo.

Qualche mese dopo si reca a Londra per visitare l’Esposizione Universale e, una volta rientrato a Milano, viene colpito da un lieve attacco di paralisi. Si trasferisce nella sua villa di Tremezzo dove, quarantasettenne, muore nel 1853. Antonio Kramer riposa nel Cimitero Monumentale di Milano.

Antonio Kramer
Antonio Kramer

Leggi anche qui

Teatro Elfo Puccini, tre sale di vero spettacolo

Teatro Elfo Puccini. Siamo in Corso Buenos Aires. A partire dagli anni ’30 è stato uno dei principali luoghi...