fbpx
32 C
Milan
lunedì 1 Marzo

Signore dell’Arte, magnifiche artiste vissute tra il ‘500 e il ‘600

Dal 2 marzo al 25 luglio 2021, le sale di Palazzo Reale di Milano ospitano una mostra unica dedicata alle più grandi artiste vissute...

Giulio Belinzaghi, il sindaco espansionista

Più letti

Signore dell’Arte, magnifiche artiste vissute tra il ‘500 e il ‘600

Dal 2 marzo al 25 luglio 2021, le sale di Palazzo Reale di Milano ospitano una mostra unica dedicata...

Olimpiadi 2026: un patto per promuovere le eccellenze a Km0

Mancano 5 anni alle Olimpiadi Milano Cortina 2026. Fondazione Milano Cortina e Confcommercio Lombardia e Veneto hanno siglato un protocollo...

Riqualifica giardino teresa Pomodoro in piazza Piola

Piazza Piola si trasforma: 21 alberi di ciliegio e undici panchine, oltre ad un nuovo percorso pedonale sono infatti...

Giulio Belinzaghi è stato il secondo sindaco di Milano sotto il Regno d’Italia.

Nato a Milano il 17 ottobre 1818 da una famiglia di negozianti inizia a lavorare come commesso della banca genovese Pettinati. E’ un uomo capace e perspicace e nel 1849 apre una banca in proprio, la Banca Belinzaghi, che nel giro di pochi anni diventa la più importante di Milano.

Nel 1862 si candida, insieme ad un gruppo di finanzieri, per la costituzione di una società per la costruzione e l’esercizio delle strade ferrate meridionali. L’iniziativa viene approvata dal parlamento italiano dando vita alla “Società italiana per le strade ferrate meridionali”. L’anno successivo entra nel consiglio di amministrazione della Società generale di Credito Mobiliare, uno dei più importanti istituti di credito in Italia.

La crisi politica e amministrativa del comune di Milano porta alle dimissioni del sindaco in carica Antonio Beretta. Serve un uomo capace di amministrare adeguatamente i conti pubblici e questa figura viene individuata in Giulio Belinzaghi che viene nominato sindaco.

Il nuovo Primo Cittadino imposta il suo lavoro a favore del rinnovamento e dell’espansione di Milano. Risana il bilancio comunale che versa in condizioni critiche a causa dei lavori di sistemazione di piazza Duomo avviati dal Beretta, portandoli a compimento.

Amplia i confini della città includendo le cascine e i borghi agricoli situati appena oltre le mura spagnole, promuove i collegamenti tramite trasporto pubblico con l’hinterland e, nel 1879, inaugura la Stazione di Milano Cadorna.

Nel 1872 Vittorio Emanuele II lo nomina Senatore e, tre anni più tardi, ottiene il titolo di Conte. Il nostro Castello Sforzesco sotto Belinzaghi rischia di essere demolito. Il Sindaco, azionista della Società Fondiaria intenzionata a costruire in quell’area, approva l’abbattimento dell’edificio. Fortunatamente la Società Storica Lombarda interviene tempestivamente ottenendo dal ministero la tutela del vincolo monumentale sul castello.

Giulio Belinzaghi è stato il sindaco rimasto in carica per il tempo più lungo fino ad ora, ricoprendo il ruolo per quasi 19 anni (di cui 16 consecutivi) interrotti dal sopraggiungere della morte avvenuta a Cernobbio il 21 novembre 1889.

Milano ricorda il suo sindaco in una via situata nei pressi di piazzale Maciachini.

Giulio Belinzaghi
Giulio Belinzaghi

Leggi anche qui

Cascina Case Nuove, dove le fragole erano di casa

Cascina Case Nuove: siamo nella parte ovest di Milano, la via Novara scorre poco lontano. Questo poteva essere un...