Chiudi la porta
Chiudi la porta

Chiudi la porta. O per scriverlo come da qualche anno va per la maggiore, #chiudilaporta.

 

No, niente paura, qui siamo sempre aperti. Ma noi non abbiamo vetrine nè porte. Lasciateci spiegare.

Complice una passeggiata pomeridiana in quel di corso Buenos Aires, abbiamo avuto modo di osservare un’abitudine (conosciuta, lo sappiamo bene) che però per l’ennesima volta ci ha molto colpito.

L’estate 2019, ormai ben oltre la metà del suo cammino, è stata in alcune giornate davvero caldissima qui a Milano: ci sono stati giorni durante i quali chi non avendo l’aria condizionata a casa, ha patito non poco. E sicuramente avrà avuto modo di invidiare coloro che nel proprio ufficio, potevano accendere al massimo il climatizzatore, metterlo sui 19° e con le finestre ben aperte godersi la frescura.

Ah no, scusate, con l’aria condizionata accesa le finestre rimangono chiuse. O almeno questo dovrebbe essere, anche solo per un discorso di buon senso.

Ecco, allora ci domandiamo: come è possibile che i negozi possano stare con le porte (PORTE!!!) aperte mentre all’interno l’aria condizionata è al massimo per portare la temperatura a livelli gradevoli?

Esattamente come avviene d’inverno, l’abitudine di lasciare le porte aperte dei negozi mentre dentro il riscaldamento pompa a tutto spiano, la riscontriamo ormai anche d’estate. Ci verrebbe da dire che ormai su 12 mesi, in più della metà viviamo questa sconveniente usanza.

Sconveniente perchè va a danno di tutti: non entriamo nel merito dei discorsi sul riscaldamento globale, ma ci basta guardare nel nostro piccolo; che ci sia qualche cosa che non va a livello climatico è ormai risaputo, che in tutto il mondo si cerchi di trovare una soluzione lo sappiamo perfettamente e, rimanendo in città, le “istruzioni” ci sono eccome.

Esiste un’ordinanza che proibisce ai negozianti di lasciare le porte aperte. Ma viene disattesa. Perchè? Non si fanno i controlli? Non ci sono sanzioni? O le sanzioni ci sono ma conviene lasciare aperto per “invogliare i clienti ad entrare”?

Dato che non è nostra abitudine buttare il sasso e nascondere la mano, per quanto possibile vorremmo anche noi poter fare qualche cosa in questo senso, abbiamo deciso di lanciare la campagna #chiudilaporta

Un modo per far sapere che piccoli e grandi che siano, ci sono negozi che hanno consapevolezza di ciò che significa risparmio energetico, riscaldamento globale, smog & inquinamento. Ed altri ai quali invece è necessario ricordare che la porta del proprio negozio quando aria condizionato o riscaldamento sono accesi, deve rimanere chiusa!

A volte ci si dimentica che tanti piccoli gesti fanno un grande risultato.

Noi cominciamo. E voi?

Chiudi la porta
Chiudi la porta
Chiudi la porta
Chiudi la porta
Chiudi la porta
Chiudi la porta
Chiudi la porta
Chiudi la porta

www.milanodavedere.it

www.facebook.com/milanodavedere