Oggi piove
Oggi piove

Oggi piove. Strano? No, tutt’altro.

 

Ad essere strana è un’altra cosa, quello che si legge in particolare sui social network. Qualcuno potrebbe rispondermi che, dopo tanti anni, dovrei essere abituato: in effetti è vero, potrei scrivere non un libro ma una enciclopedia sulle stranezze che ho incontrato in quasi 10 anni di vita “social”, ma come dire, c’è sempre qualcosa che riesce a stupirmi.

Riparto dal titolo per motivare quanto sto scrivendo: Oggi piove. Un qualcosa che tutti possiamo constatare guardando fuori dalla finestra o peggio ancora, trovandoci in strada senza ombrello. Il cielo è grigio, c’è aria, insomma, la classica giornata autunnale, forse la prima di quest’anno.

Come del resto negli anni passati, con questa prima giornata uggiosa, ecco i commenti di chi qui vive: “ecco la Milano che conosco” – “Grigia Milano, così deve essere” – “Finalmente la Milano che tutti conosciamo” e via discorrendo.

Esistono decine, forse centinaia di siti che raccolgono le condizioni meteo della nostra città degli ultimi decenni e basta una sbirciata, anche frettolosa, per avere evidenza del fatto che giornate come quella odierna, sono di gran lunga meno frequenti di quelle in cui c’è il sole.

Se la nebbia è un lontano ricordo, basta davvero poco per far cadere le persone nella solita tiritera della grigia Milano. Ma grigia dove? Milano è tutt’altro che grigia. E non parliamo dell’infinità di colori che possiamo trovare ad ogni angolo, ci riferiamo, almeno in questo caso, solo alle condizioni meteorologiche.

E’ proprio un brutto vizio quello di guardare e sottolineare sempre le cose meno belle, dimenticandoci che forse sarebbe il caso di raccontare anche quelle positive.

Oggi piove, già. Oggi Milano è grigia. Domani torneranno i colori. Peccato il grigio che rimane nella testa di tante persone.

 

Articolo precedenteMissaglia – torniamo indietro di secoli
Articolo successivoBabbo Natale a Milano
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...