acqua
acqua

Milano città d’acqua: quante volte lo abbiamo scritto. E prima di noi illustri personaggi ne hanno discusso e parlato.

Nel 1200 Bonvesin della Riva scriveva che a Milano c’era 6000 pozzi d’acqua utilizzati dai milanesi. Un bel numero che dite?

Ma venendo a giorni più vicini: il primo concorso pubblico per realizzare un acquedotto è del 1877; il progetto che risultò vincitore prevedeva di attingere dal fiume Brembo e trasportare quindi l’acqua in città. Non piacque e si decise di indire un nuovo concorso.

Nel 1887 si arrivò alla decisione di prelevare l’acqua, mediante pozzi, proprio dalla nostra falda, per secoli usata per ogni esigenza. I primi pozzi vennero realizzati un anno dopo in zona Arena e nel 1899 in quella che oggi chiamiamo piazza Firenze si realizzò il secondo impianto di pompaggio. Porta la data del 1903 la centrale vera a proprio in piazza della Repubblica. 

Alla fine degli anni ’20 del ‘900 gli impianti erano 17 e l’estrazione di acqua comportò un abbassamento della falda che fece propendere ad una modifica nel sistema di estrazione.

Arriviamo negli anni ’60: la falda risulta essere inquinata a causa degli scarichi industriali, ma nella seconda metà degli anni ’70 questo problema diminuisce vista la chiusura dei grossi stabilimenti. Si verifica però un altro problema: la falda si innalza e provoca diversi allagamenti.

A 100 anni dalla nascita delle rete idrica, nel 1998, esistono 34 centrali e la tecnologia impiegata ha risolto i problemi di potabilizzazione, rendendo l’acqua che esce dai nostri rubinetti ( e non solo) sicura e gradevole.


www.milanodavedere.it

www.facebook.com/milanodavedere

 

Articolo precedenteSan Francesco d’Assisi
Articolo successivoDry Milano – l’appetito vien (anche) di notte
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...