Il nostro purgatorio
Il nostro purgatorio

Il nostro purgatorio

Non le farà sì bella sepultura 
la vipera che Melanesi accampa, 
com’avria fatto il gallo di Gallura.

 

Ricordate? Siamo al Purgatorio. Divina Commedia. Dante parla di…noi. I Melanesi, la vipera…avete presente?

No, non vogliamo raccontare l’Opera del Sommo poeta, ma darvi una notizia che, anche se non riguarda Milano, ci sembra curiosa ed interessante. Eccola:

Saranno SPERELLO DI SEREGO ALIGHIERI e ANTOINE DE GABRIELLI, discendenti dei due storici protagonisti del Medioevo italiano, a incontrarsi a Gubbio. Cosa accadrà a distanza di 9 secoli da quei fatti che videro protagonisti i loro antenati? Torneranno a vivere le vicende tormentate che sconvolsero la vita del poeta Dante Alighieri e segnarono le sorti della letteratura, grazie alla creazione del capolavoro immortale della ‘Divina Commedia’, scritta nei 19 anni di esilio, lontano da Firenze. Fu Cante Gabrielli da Gubbio a condannarlo, in veste di Podestà di Firenze, nel 1302 all’esilio e alla confisca dei beni. E, per la prima volta, si ritroveranno faccia a faccia i discendenti dei due illustri personaggi.

A condurre l’incontro a Gubbio venerdì 29 settembre, sarà la giornalista e scrittrice Anna Buoninsegni Sartori, autrice di un testo teatrale rappresentato per la prima volta lo scorso anno proprio durante il ‘Festival del Medioevo’. La piece è diventata una pubblicazione (Ali&No Editrice, 2017), dal titolo quanto mai allusivo: ‘Se l’eugubino Cante Gabrielli non avesse condannato all’esilio Dante, il sommo poeta avrebbe scritto la Divina Commedia?’ Domanda destinata, evidentemente, a rimanere senza risposta ma interessante collegamento con la stesura dei 14.223 endecasillabi delle tre Cantiche. La scrittrice indaga sui rapporti tra Dante e Cante, analizza il dietro le quinte della condanna, le lotte intestine tra fazioni in mezzo a Impero e Papato e le ragioni, politiche ed economiche, che portarono all’esilio dell’Alighieri.

Che cosa accadrà a Gubbio, dove Cante aveva il suo nobile casato e Dante vi soggiornò diverse volte, tra i rappresentati di una progenie così illustre e discussa? Sicuramente un simpatico incontro, visto che entrambi sono consapevoli che non esiste merito o demerito nell’essere legati a una delle due stirpi. Oppure chissà… potrebbe esserci un diverso e imprevisto finale!

GUBBIO, ‘FESTIVAL DEL MEDIOEVO’
venerdì 29 settembre , ore 11 – Centro Servizi S. Spirito
Contatti: Anna Buoninsegni Sartori – cell. 329 3812750
Info www.festivaldelmedioevo.it
Facebook Festival del Medioevo