fontana piazza De Angeli
fontana piazza De Angeli

Fontana di piazza De Angeli: no, non preoccupatevi. Se non l’avete mai notata non è per colpa vostra. Non eravate distratti. Semplicemente non c’è.

 

Più corretto da parte mia dire che non c’è più; qui infatti in questa zona che un tempo chiamavamo La Maddalena, nel 1921 venne messa una fontana. Fu a De AngeliFrua un’azienda tessile che si accordò con il Comune per poterla installare.

Opera dello scultore Egidio Buoninsegna, la fontana di piazza De Angeli rimase al suo posto a zampillare acqua fino all’arrivo… del cantiere della metropolitana, la linea 1. Siamo nel 1962 ed i lavori costringono a spostare “momentaneamente” la fontana.

Smontata in tanti pezzi, tutti rigorosamente numerati, la fontana venne sistemata nei magazzini comunali in via Zamagna. Finiti i lavori della metropolitana, la De Angeli Frua chiese notizie per il ripristino, ma…. un gelido silenzio calò sulla vicenda.

In un attimo si arriva agli anni 2000 quando un privato cittadino appassionatosi evidentemente della vicenda della fontana di piazza De Angeli, chiese lumi in Comune. Si scoprì che il magazzino dove era stata collocata la fontana smontata, nel frattempo era diventato un asilo e ciò che era contenuto fu spostato. Quando? Dove? Mistero.

Non sono mancate campagne d’informazione per venire a capo di questa sparizione: il giornale “Il Diciotto” si fece promotore di una vera e propria caccia alla… fontana. Ma nulla. Nessun riscontro.

Che dite, la diamo per dispersa oppure….

 

Articolo precedenteAnche Milano ha il suo fascino
Articolo successivoQua la mano, a due passi da Milano
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...