Cosa vedremo dopo questa pausa forzata? O per meglio dire: quale cosa, luogo della città vorremo vedere per primo quando sarà possibile uscire nuovamente?

 

La domanda sarebbe un’altra ovviamente, ma sono certo che si entrerebbe troppo nella sfera personali di ciascuno chiedendo di commentare quale è la prima cosa che farete. Quindi rimango sul mio  “territorio”, parlando di Milano.

Orfano ormai da 3 settimane dalle mie uscite giornaliere per le strade di Milano, ho provato a pensare quale sarebbe il luogo che prima degli altri vorrei vedere appena l’emergenza sarà terminata.

All’inizio ho fatto davvero fatica a scegliere: tanti i posti che rivedrei volentieri dal vivo. Eppure, facendo un attimo mente locale ed immaginando la sensazione, mi rendo conto di non avere dubbi,  la scelta sarebbe una sola.

Andrei in piazza del Duomo o per meglio dire dove termina via Mercanti, venendo da Cordusio e mi fermerei lì, con la piazza davanti, il nostro Duomo e sulla destra Palazzo Reale con il campanile della chiesa di San Gottardo che spunta da dietro.

E mi vedo, sorridente, ad osservare la piazza di nuovo gremita, con i turisti che danno da mangiare ai piccioni, la fila per entrare in Cattedrale, i taxi che si fermano ad aspettare, i tavolini di fianco a me pieni di gente a fare colazione.

E per una volta, la prima dopo tanto tempo, guarderò tutta quella folla con simpatia e non con il consueto pensiero “ma che ci fa in giro tutta sta gente”.

Quando sarà, abbandonerò lo sguardo sulla gente. E sarò davvero felice di vederne tanta.



cosa vedere dopo
cosa vedere dopo

 

Articolo precedenteGiovannino De’ Grassi un artista stimato
Articolo successivoTeatro Martinitt, il teatro degli orfani.
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...