fbpx
32 C
Milan
sabato 19 Settembre

Snøhetta, P35, Gioia 20 e P39: ecco qualche parola più semplice

Snøhetta, un nome che onestamente non so pronunciare. Ma la mia ignoranza non interessa in questa sede: questo è il nome dello studio di...

Ci vorrebbe un altro Gran Premio della Rinascita

Più letti

Snøhetta, P35, Gioia 20 e P39: ecco qualche parola più semplice

Snøhetta, un nome che onestamente non so pronunciare. Ma la mia ignoranza non interessa in questa sede: questo è...

Sant’Agnese, la giovane con l’agnello in braccio

Sant’Agnese, via poco distante dall’Università Cattolica di Milano e dalla Basilica di Sant’Ambrogio, è stata una santa romana martirizzata...

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta Milano rappresenta la capitale economica del nostro Paese ed è...
Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Correva – è proprio il caso di dirlo – l’anno 1947: la Seconda guerra mondiale si era conclusa da poco ed i segni dei bombardamenti erano ancora evidenti. L’autodromo di Monza non era disponibile: durante la guerra era stato sfruttato come magazzino per i documenti (dell’Aci) e per ospitare gli animali dello zoo.

Subito dopo il conflitto una parata di carri armati danneggiò irrimediabilmente il manto stradale e, come se non bastasse, si decise di impiegare quel grande spazio per lo stoccaggio dei residuati bellici gestiti dall’ARAR, l’Azienda Rilievo Alienazione Residuati.

Monza necessitava di opere di riqualificazione troppo importanti per poter disputare la gara.
Si decise, dunque, di organizzare per il 7 settembre 1947 il primo Gran Premio dopo la guerra a Milano. La zona prescelta fu la Fiera Campionaria, quella che oggi chiamiamo Fieramilanocity.

Il percorso era lungo 3,5 chilometri: si passava viale Duilio, viale Boezio e viale Cassiodoro, quindi per viale Senofonte, viale Spinola, via Berengario e viale Eginardo. Un passaggio da via Colleoni per arrivare in piazzale Damiano Chiesa: la rotonda permetteva alle auto di tornare indietro verso la Fiera.

Con 24 vetture partecipanti e 100mila spettatori, venne battezzato il Gran Premio della Rinascita: al via le auto erano quasi tutte Alfa Romeo e Maserati. La prima si presentò con la 158 – cilindrata 1500 da 249 cavalli -, mentre la Maserati usò un motore con doppio compressore e 250 cavalli. Altre partecipanti erano le Delahaye 135CS e qualche Delage e Cisitalia.

Le qualifiche decretarono la pole position a Consalvo Sanesi su Alfa seguito da Trossi (Alfa) e Villoresi (Maserati). Vinse Carlo Felice Trossi con un distacco minimo: dopo 100 giri arrivò al traguardo con un solo centesimo di vantaggio su Achille Varzi (Alfa) partito dalla quarta casella. Sanesi, terzo, arrivò con quasi un giro di distacco. La velocità media fu di 113,42 km/h. Giù dal podio del Gran Premio della Rinascita, a bordo della sua Maserati, un nome che da lì a qualche anno sarebbe entrato nella leggenda: Alberto Ascari.

Ci vorrebbe un altro Gran Premio della Rinascita
Ci vorrebbe un altro Gran Premio della Rinascita

 

Leggi anche qui

Bertarelli: una piazza, un uomo.

Bertarelli Luigi Vittorio nasce a Milano il 21 giugno 1859. E’ uno sportivo appassionato di corsa, alpinismo e ciclismo.   Bertarelli...

Sant’Agnese, la giovane con l’agnello in braccio

Sant’Agnese, via poco distante dall’Università Cattolica di Milano e dalla Basilica di Sant’Ambrogio, è stata una santa romana martirizzata all’età di 12 anni durante...

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta Milano rappresenta la capitale economica del nostro Paese ed è considerata la città della moda...