Manifesto giornata del dialetto milanese

Se condividi il nostro pensiero sulla salvaguardia del dialetto milanese, ti chiediamo di lasciare il tuo nome ed il tuo pensiero nello spazio commenti in fondo alla pagina.

Milan l’è on gran Milan

Milan cont el coeur in man

Milan ch’el se lassa scoprì pòcch per vòlta e ch’el rièss a mètt in mostra semper on quaicòss de noeuv. Milan che la ricev tutti e che la parla tutt’i lingu.

Ma el 15 de settembre Milan el fa fèsta a la “soa lingua” che per tròpp temp hann cercaa de falla desmentegà.  E inveci el meneghin l’è inscì bèll!…Dèmmes de fà on poo tutti a doprall on poo pussee, cerchèmm de fagh imprend ai nòster fioeu, ai nòster biadeghitt cèrti maner de dì, ona quai filastròcca, ona quai panzanega, ona quai poesia.

Ricordèmmegh i nòmm di vègg mestee ch’hinn ormai sparii: el prestinee, el bagatt, la lavandera, el cervellee, el loffellee, el becchee, el sciostree, el fondeghee, el spezziee…
Quand sèmm a taola la domènica a mezzdì, cerchèmm de scoltà i canzon del Svampa, di Gufi inscì tant per rid on poo.

Fòrsi sèmm on poo di sognador, ma fin da quand serom piscinitt gh’è staa insegnaa che se te ghe credet per de bon e se te se mèttet d’impègn, i sògn se pòden realizzà.

Trii ann fa, se sèmm inventaa de festeggià el 15 de settembre el nòster bèll dialètt e quèst ann ghe domandom a tutti quèi che come numm ghe voeuren ben al nòster “meneghin” de ciappass on impègn e provà a parlann on poo pussee.

L’è nò poeu insci difficil e impossibil!!!
Milan de Vedè , 2018


Milano è un grande Milano.
Milano col cuore in mano
Milano che si lascia scoprire poco alla volta e che riesce sempre a mostrare qualcosa di nuovo.
Milano che accoglie tutti e che parla tutte le lingue.
Ma il 15 settembre Milano festeggia “la sua lingua”, che per troppo tempo si è cercato di far cadere nel dimenticatoio. E invece il milanese è così bello… Sforziamoci un po’ tutti ad usarlo di più, insegniamo ai nostri bambini e ai nostri nipoti i vecchi modi di dire, qualche filastrocca e leggiamogli anche le poesie.
Ricordiamogli i nomi dei vecchi mestieri: el prestinè, el bagat, la lavandaia, el cervelet…
Ai pranzi della domenica, ascoltiamo le canzoni di Nanni Svampa e dei Gufi, così, tanto per ridere un po’…
Forse siamo dei sognatori, ma fin da piccoli ci è stato insegnato che se ci credi davvero e se ti metti di impegno, i sogni si possono realizzare.
Tre anni fa ci siamo inventati di festeggiare il 15 settembre il nostro dialetto e quest’anno chiediamo a tutti coloro che amano come noi il milanese di prendere un impegno e provare ad usarlo di più. Non è poi così impossibile

Milano da Vedere, 2018

81 Commenti

  1. non sono milanese ma vivvo a Milano da oltre 40 anni. Amo Milano e ancor piu il suo dialetto e le sue canzoni che vanno tutelate e diffuse….

  2. Il dialetto rende il sentire delle persone. ‘mangia’ a üf’ se così si scrive, ha origine dalla costruzione del nostro duomo… il dialetto conserva la storia di un popolo.

  3. Sono d accordo a salvaguardare il nostro dialetto che è ricchezza culturale e identità. Io penso che tutti i dialetti italiani siano da rivalutare e da parlare perché ricchezza culturale di un popolo

  4. Capisco benissimo il nostro dialetto ma non lo so parlare. Quando ci provo mi faccio ridere da sola. Purtroppo quando frequentavo le elementari l’insegnante ripetutamente ammoniva le famiglie perché non si parlasse dialetto in casa. Va da sé che all’epoca l’intento era “nobile”.

  5. Sfortuna volle che con il lavoro di mio marito mi sono dovuta trasferire all estero ma el meneghin rimane nel cuore e grazie a voi riesco a insegnarlo un po anche alle figlie e appena posso torno nella mia Milano

  6. Ho imparato il milanese sentendo parlare i miei nonni: con noi e tutti gli altri parlavano italiano, ma fra loro sempre e solo dialetto!
    E comunque, de Milan ghe n’è domà vun!

  7. Salve, purtroppo noi “milanesi” siamo fra i pochi che non lo parlano nella società, mentre molti altri lo fanno con i loro dialetti.. E siamo sciocchi perché così diventerà una “lingua morta”, quindi GRAZIE per promuoverlo.
    Silvia

  8. Bella iniziativa, sono cresciuta sentendo parlare il dialetto, oggi purtroppo si sente sempre meno. Promuoviamolo il più possibile!

  9. Sunt un varesot che’l stá in Umbria da un sac de temp ma el me dialet l’é semper in dal me co, anca se el parli mai. Grazie per stá bela pensova!

  10. La città diventa sempre più cosmopolita e i giovani non lo conoscono neppure. È difficile anche trovare persone più anziane che lo parlino ahimè! Io cerco sempre di introdurre qualche frase anche quando converso con chi non è milanese. E poi… traduco😊

  11. Sono di Porta Magenta e ho imparato il dialetto per osmosi, perché i miei genitori lo parlavano tra loro e adesso che non abito più a Milano la vostra pagina fa riaffiorare i ricordi!💗

  12. Mi sont Brianzoe e parli ol dialett de la Brianza, che l’è quasi istess a part ona variaziòm fonetica e ona quai parola. La fameja de mià mamm l’è de Cernusc (s/n) e mia nona e parla milanes. Ona diferenza che m’ha semper fà rid: piza la lus in brianza se dis con la -ts- (comè in italian pizza) inveci a milan se dis -pisa la lus- con la -s- de sonàa. Mi sont convint che i lengui de la Lombardia sont on gran patrimoni coltoral e che ghem de dacc la dignitàa di lengui; vess studiàa e insegnàa a scoela, vess parlàa anca dai bagai e dai tosann a casa, a scoela e insema agli amis. El sarisa bell vecc una televisiom e una radio in dialett, e sentil parlàa in gir per la strada

  13. Milan l’è la mia cità e ghe voeri ben, pecà che senti propri poca gent parla el me dialett. Ricordi quand seri una tusetta e andavi a fa la spesa in di negosi del prestinè, del macelar e del foundeghè, parlaven tucc el Milanes; adess te vè al supermercà e te set nissun.

  14. quando mia figlia era una ragazzina e uscivamo a far compere insieme, io le parlavo in milanese, in pochi avrebbero capito cosa dicevo……

  15. Non ho molte occasioni di parlare il nostro milanese, però amo leggere scritti in dialetto, anche se con ormai un po’ di fatica. Quanto è bello sentire dialoghi in lingua milanese, ora purtroppo sempre più rari. Liliana

  16. Sottoscrivo!!! Sono del 1946, come milanese di nascita e discendenza milanese da generazioni, mi spiace che quasi più nessuno parli il nostro dialetto, quindi è positiva ogni iniziativa a favore del milanese.

  17. Gh’hemm de salvaguardall el nost dialett, l’è on patrimoni frutt del mes’ciott de cultur che hinn passaa per la nostra cittaa in di secol adree e l’hann fada diventaa quel che l’è incoeu.

  18. Il dialetto è tradizione, e tutti dovrebbero conoscere quello della loro zona. Io non sono di Milano ma il meneghino lo conosco bene anche grazie alle canzoni tradizionali. Giro spesso a Milano per lavoro, e purtroppo è ormai diventato rarissimo incontrare qualcuno che lo parli ancora. Peccato…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here