Vedovella o drago verde. Questo è il problema. Ma la scelta termina qui. Usate quel che volete, basta che non le chiamiate fontanelle.

 

Già, perchè qui da noi a Milano questa parola non si usa: è proprio una regola non scritta che ci impedisce di usare il termine fontanella per indicare i “distributori di acqua pubblica”, o come si diceva una volta, l’acqua del sindaco.

E quindi come chiamarle? Vedovella o drago verde? Potremmo discutere per pagine e giorni, senza arrivare ad un compromesso. Vanno bene tutte e due ad ogni modo. Forse e ripeto, forse, vedovella è il termine che si usa da più tempo, anche se poi drago verde ha rubato un poco la scena.

Ad ogni modo, il nostro dialetto milanese ci viene in soccorso ed il nostro Carletto Oblò ci spiega tutto con una poesia. A buon intenditor…


Numm la ciamom “Vedovèlla”,
guai ciamalla fontanèlla,
a Milan l’è ‘na bestèma,
sì, per numm l’è ‘nca on’emblèma.

“Drago Verd” quaivun te ciama
ma l’è mèj on nòmm de dama:
Se pò piang cont on sorris
e pensall in Paradis.

Semper pronta a scoeud la set,
on ses’cent n’hann miss in ret;
semper frèsca, ciara e bòna,
de Milan te see gran dòna.

Quanto corr e giugattà…
rinfrescass quand s’è sudaa,
cont on did stoppatt la bocca
e sbilzà… sòtt’a chi tocca!

Numm t’èmm semper rispettada,
carezzada e coccolada,
me dispias doè dill chì
ma tutt quèst l’è ‘dree finì.

Gioventù senza rispètt,
clandestin che fa toalètt,
el drogaa poeu ghe n’ha minga
el ven lì per la siringa.

Vedovèlla èmm capii,
caragnà per el marì
l’è ‘na ròba natural
l’era nò per tì on gran mal.

‘Dèss però ‘l tò caragnà
l’è on gran sfògh de disperaa,
vedè in gir tutt ‘sto bordèll
e Milan che l’è pù quèll.

vedovella
vedovella