fbpx
32 C
Milan
mercoledì 24 Febbraio

Inconsapevole leggerezza del non sapere

Posso immaginare che siate sommersi di articoli, giornali e da quanto so, a breve anche di libri, che trattano l'argomento. Mi perdonerete se anche...

Santo Stefano in Borgogna in via Cerva

Più letti

Inconsapevole leggerezza del non sapere

Posso immaginare che siate sommersi di articoli, giornali e da quanto so, a breve anche di libri, che trattano...

Rotonda di San Lorenzo a Mantova

Siamo a Mantova ed eccoci davanti alla Rotonda di San Lorenzo. E' la chiesa più antica della città e già...

Fonderia Napoleonica Eugenia, suono di campane

Fonderia Napoleonica Eugenia si trova in via Genova Thaon di Rivel a Milano nel quartiere Isola. Oggi è un...
Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Santo Stefano non è solo il giorno dopo Natale. E se aggiungiamo in Borgogna ecco che ai nostri occhi appare una chiesa. O meglio, appariva.

C’era una volta la chiesa di Santo Stefano in Borgogna…. No, non è una favola, ma storia. Storia milanese. Siamo, ops, eravamo in pieno centro, dove oggi troviamo piazza San Babila o meglio, se proprio vogliamo essere precisi, via Cerva.

Curioso è l’origine del nome: come spesso accade, le versioni sono sempre almeno un paio. Il Lattuada ci dice che  l’origine del nome è dovuto al fatto che la zona fosse abitata nel XIV secolo da gente della Borgogna, mentre il  Sormani sostiene che il nome fu dato perché nella zona abitava la famiglia dei Bergonzi, testimoniata dal fatto che nella chiesa vi erano varie decorazioni che riportavano l’effigie della famiglia.

Quale che sia la verità noi non lo sappiamo, ma quel che purtroppo oggi non possiamo più ammirare era lì da almeno il 1300: sistemata come tante altre su ordine di Federico Borromeo, (venne rifatta anche la facciata), venne sconsacrata nel XIX secolo e divenne…un magazzino per carbone fino alla sua demolizione nel 1930.

Non potendo dirvi di andare a vederla, vi suggeriamo però di fare un salto alle Gallerie d’Italia dove potrete osservare da vicino il dipinto di Arturo Ferrari che vedete qui sotto (quello in copertina è di Inganni)

Santo Stefano in Borgonga
Santo Stefano in Borgonga

Leggi anche qui

I specialità de la tradizion milanesa

La Pobbia da sempre propone un Menu guidato dedicato alla scoperta dei piatti milanesi più tipici: "I specialità de...