fbpx

Clio and Maurice con Fragile

Più letti

Torna il duo milanese Clio and Maurice con una versione extended del disco di debutto Fragile. Loro sono un duo impossibile formato solo da voce e violino, rispettivamente Clio Colombo e Martin Nicastro (dei Pashmak).

La loro musica è frutto dell’unione di diverse influenze, fuse nel minimalismo della loro formazione atipica: dal soul di Nina Simone, fino al pop sperimentale degli ultimi lavoro di Arca, Björk e James Blake. Qui gli archi vengono orchestrati e manipolati grazie all’utilizzo di effetti e pedali, formando i paesaggi sonori dove la voce è protagonista.

Abbiamo raggiunto Clio and Maurice ad un loro live al Giardino Comunitario Lea Garofalo a Milano. Ecco cosa ci hanno raccontato!

Clio and Maurice Foto di Simone Pezzolati
Clio and Maurice Foto di Simone Pezzolati

Clio and Maurice con Fragile

Qual è il vostro rapporto con la città di Milano?
È il luogo in cui siamo cresciuti e dove ci siamo incontrati, nonché formati come musicisti. Ci siamo molto legati e in particolare negli ultimi anni abbiamo avuto modo di conoscere diverse persone che come noi stanno cercando di costruirsi un percorso nella musica, con le quali ci confrontiamo e collaboriamo stabilmente. Per noi è molto importante viaggiare, ma siamo sempre felici di ritornare a casa.

Dove avete già avuto modo di suonare da quando sono ricominciati i concerti?
Abbiamo recuperato il release party di Fragile a Mare Culturale Urbano e suonato al Giardino Comunitario Lea Garofalo oggi per Lato B.

L’ultimo giro che avete fatto per Paolo Sarpi (che è qui a due passi), e non per suonare?
Sarpi è forse la nostra meta preferita a Milano! È come fare una gita fuori porta rimanendo in città. L’ultima volta abbiamo mangiato, come facciamo sempre, i Liangpi vicino alla Ravioleria e ci siamo riforniti di ingredienti da Cathay.

Quali sono invece i luoghi legati a Fragile?
Senza dubbio il Giardino degli Artisti (meglio conosciuto come piazza Cotoletta) a NoLo, dove abbiamo sostanzialmente trascorso la maggior parte delle serate successive alla quarantena: il disco già esisteva, ma è lì che abbiamo organizzato la sua uscita.

Come sta andando il tour?
Benissimo! È la prima volta che suoniamo così lontano da Milano in Italia, e farlo dopo un anno di stop rende tutto ancora più magico.

Avete già in mente i prossimi step?
Abbiamo scritto e registrato il nostro il primo disco: il nostro primo obiettivo è concluderlo al meglio e poi dedicarci alla sua pubblicazione.

Clio and Maurice Foto di Simone Pezzolati
Clio and Maurice Foto di Simone Pezzolati