fbpx

Una visita a Sant’Antonio Abate

Più letti

Quasi incastrata nella placida e signorile via Sant’Antonio, a due passi dall’università Statale, la chiesa di Sant’Antonio si presenta con una facciata spoglia, sobria e incompiuta (è ottocentesca, opera di Giacomo Giuseppe Tazzini).

Eretta nel ‘300 come parte dell’omonimo convento dell’ordine ospedaliero degli Antoniani, conserva poche tracce di questo periodo e del successivo rifacimento del 1456: il campanile (sulla cui cima brilla l’insegna degli Antoniani: la lettera greca tau) e il chiostro che, nonostante gli interventi ottocenteschi, conserva le eleganti forme di gusto bramantesco con fregi in terracotta a stampo dei primi del ‘500.

Nell’ospedale su cui è edificata la chiesa si curavano, con applicazioni di unguento derivato dal grasso di maiale, i contagiati dal cosiddetto fuoco sacro o fuoco di Sant’Antonio. I maiali erano considerati a tal punto preziosi da garantire ai monaci, a partire dal 1416, un singolare privilegio: quello di farli pascolare liberamente nella zona attorno al convento e all’ospedale, affidandone il sostentamento alla carità pubblica.

A metà del ‘400 Francesco Sforza fonda l’ospedale Ca’ Granda per riunire in un unico polo tutti i piccoli ospedali della città: il convento perde così la sua funzione.

Nel 1582, in seguito all’affidamento del convento ai Teatini, la chiesa viene ricostruita su progetto di Dionigi Campazzo: pianta a croce latina, una sola navata e cappelle laterali, tre per lato. Nel corso del ‘600, suo periodo di massima fioritura, viene investita da un prodigioso sistema decorativo che riguarda volta e cappelle e che non tralascia un solo centimetro. Le opere di Giovanni Ambrogio Figino, del Campi, del Morazzone, di Lodovico Carracci, del Cerano, dei fratelli Carloni e dei Procaccini (tra gli altri) ne fanno un emblema del Barocco milanese e lombardo.

Una nota, in chiusura: qui Mozart il 17 gennaio 1772 (o 1773, storiografia incerta) eseguiva in prima assoluta il mottetto Exsultate, Jubilate. Sopra il portale d’ingresso c’è ancora il suo organo.

Ultime

Che Forza! che sono Tiziana Luciani e Bimba Landmann

Tiziana Luciani è una psicologa, psicoterapeuta e arte terapeuta clinica, che ha iniziato ad occuparsi del sociale pochi giorni...

Potrebbe interessarti