Poesia per Sant’Ambrogio

7 dicembre 2017: oggi è la festa del nostro Patrono, Sant’Ambrogio. Di lui abbiamo detto tanto, tantissimo,ma come sempre mai abbastanza.

Oggi quindi vogliamo celebrare il Vescovo più famoso di Milano con questa poesia di Carletto Oblò che ci racconta una storia mista a leggenda che amiamo particolarmente.

Buona lettura e…. se non capite qualche cosa ricordate che c’è il nostro corso di milanese!

Corr Bètta che ven la malagent!

Aveven scernii Lù i milanes,
l’aveva difenduu el mond cristian
contra soldaa e òmm borghes
credent e partigian del mond arian.

“Mì pòdi nò fà ‘l Vèscov de Milan,
son nanca battezzaa, mì pòdi nò”
inscì el diseva a tucc col coeur in man,
l’Ambroeus che l’era ‘dree studià ‘ncamò.

L’ha faa de tutt per fass vorè nò ben
e fà scappà i sò sostenidor,
fadigh strasaa, ghe n’era nò de fren
voreven Lù ‘me Vescov e Pastor.

Ma s’el podeva fà per toeuss de dòss
‘sta volontà de tutt i milanes?
L’ha inscì decis de piantà lì tusscòss
e senza fass cognoss, sia ben intes,

con la sò mula Bètta l’è scappaa.
Per sicurèzza de no vèss seguii
la mula al contrari l’ha ferraa
e inscì podè fà cred de vèss sparii.

L’ha traversaa Còrp Sant e la campagna,
per or e or tutt duu hann camminaa
fin ch’hinn rivaa, ma pensa che cuccagna,
doe gh’eren pizz di lus de quatter cà.

L’è staa on moment, la mula s’è piantada,
per falla moeuv gh’è staa pròppi on bèll nient,
inscì l’Ambroeus, dovrand la nòs parlada
la bèstia ghe vosava dent per dent:

“ Corr Bètta, dai, corr Bètta sù, sù, sù!…”
Se cunta che l’Ambroeus gh’abbia ‘nca dii:
“Corr Bètta, malagent hinn mò costù!
Dai, moeuves da ‘sto sit, gh’èmm de sparì!…”

L’è per ‘sti fatt, leggenda popolar,
che ‘sti paròll d’Ambroeus gh’hann daa patenta
de battezzà ‘sti pòst particolar
coi nòmm de la Corbètta e de Magenta.

 

Milano (è) da Vedere